Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina, ha commentato la sconfitta nel match di oggi contro il Napoli ai microfoni Dazn:

Nel secondo tempo vi siete abbassati troppo? "Penso che oggi, rispetto alla partita con l'Inter dove ci siamo smarriti nel secondo tempo, la sconfitta ci può stare. Avevamo fatto una grande gara, la Fiorentina non meritava questo passivo e di uscire senza neanche un punto. Sono contento della prestazione, non mi è piaciuto tantissimo quello che potevamo fare negli ultimi dieci minuti dove abbiamo aggiunto un attaccante, l'imprevedibilità di Sottil. Potevamo fare di più, però la prova dei ragazzi meritava altra sorte".

Venite spesso rimontati. "Più che altro sono gli episodi e come inizia ad evolversi la gara. Prima del gol hai il predominio su tutto, abbiamo fatto gol e abbiamo concesso qualche situazione ai loro centrocampisti. Non è una questione fisica, quando giochi come abbiamo fatto noi oggi, se succede qualcosa in campo è solo per un aspetto mentale dove pensi di non arrivarci anche andando forte, dove pensi che l'avversario qui non ti possa far male e ti castiga. È tutta una questione mentale. Più per episodi, il rientro in partita dell'avversario che è forte, inizia a giocare con più qualità. In questo momento qua, per lunghi tratti, riusciamo ad essere all'altezza, alla pari, ma un certo punto questo non accade. Sta a me trovare la chiave, la soluzione. Penso che oggi sia un peccato non portare a casa i punti. Alla settima giornata se la Fiorentina ha da migliorare quello lo deve fare, ma dopo due mesi e mezzo di lavoro non si può essere al top. Abbiamo margini di miglioramento enormi perché portare avanti una gara contro il Napoli, in questo modo, significa che hai qualità e valore, va tirato fuori al 100%".