Gli esordi

Sergio Conceição, classe 1974 di Coimbra, Portogallo, inizia la sua carriera da calciatore, ruolo centrocampista, militando in squadre minori della Lega portoghese dal 1993 al 1996, anno in cui viene acquistato dal Porto. Con i dragoes Conceição vive la sua consacrazione da calciatore professionista vincendo tre campionati nazionali ed una Coppa di Portogallo.

L’avventura italiana

Nel 1998 viene acquistato dalla Lazio per 15 miliardi di lire. In maglia biancoceleste Conceição vince uno scudetto, una Supercoppa UEFA, una Coppa Italia ed una Supercoppa Italiana, suo il gol decisivo ai danni della Juventus. Nel 2000 passa al Parma come controparte per l’arrivo alla Lazio di Hernan Crespo. Nel 2001 viene ceduto all’Inter, nuovamente come controparte per l’arrivo in Emilia di Sebastien Frey, dove, a causa di un infortunio, accumula un minutaggio decisamente esiguo. Nel 2003 Conceição rescinde il contratto con i neroazzurri e torna a Roma in maglia biancoceleste. Nel 2004 termina la sua avventura italiana firmando nuovamente con il Porto.

Calciatore belga dell’anno

Sempre nel 2004 Conceição viene acquistato dallo Standard Liegi dove, in seguito all’ottima prestazione nella stagione 05/06, riceve il premio come calciatore belga dell’anno con conseguente rinnovo di contratto di due anni.

La squalifica

L’11 aprile 2006 la Federcalcio belga sanziona Conceição con una squalifica di 3 anni in seguito ad un’aggressione ad un direttore di gara da parte del centrocampista portoghese. In seguito a questo avvenimento Conceição decide di trasferirsi in Kuwait dove milita nel Al-Qadisiya per la stagione 2006/2007.

Il ritorno in Europa ed il ritiro

Nel 2008 Conceição ritorna in Europa dove milita tra le fila del PAOK Salonicco fino al 2009 quando si ritira dal calcio giocato.

Gli anni della Nazionale

Conceição viene convocato dalla Nazionale portoghese per la prima volta nel 1996 per le qualificazioni ai Campionati Mondiali 1998. Viene successivamente convocato per i Campionati Europei 2000 e per il Mondiale 2002.

Gli esordi da commissario tecnico

Nel 2010 Conceição inizia la sua carriera da commissario tecnico allo Standard Liegi, in veste di vice allenatore. Nel 2012 viene scelto come sostituto di Dauto Faquira dall’Olhanense dove riesce ad ottenere la salvezza chiudendo la stagione all’undicesimo posto. Nel 2013 si dimette per poi andare ad allenare l’Academia, squadra della sua città natale. Nel 2014 viene assunto dal Braga con un contratto biennale. Qui Conceição si qualifica all’Europa League concludendo la stagione al quarto posto. Nel giugno 2015 viene esonerato.

L’avventura francese

Nel 2016 Conceição firma un contratto biennale con il Nantes portando la squadra dal penultimo posto all’ottavo. Nel maggio 2017 la dirigenza del club francese decide di rinnovare il contratto di Conceição di altri 3 anni.

Il ritorno al Porto

Nel giugno 2017 Conceição risponde alla chiamata del Porto, con il quale firma un contratto biennale. Nel primo sulla panchina dei dragoes arriva la vittoria del campionato portoghese. Il secondo anno il Porto di Conceição vince la Supercoppa di Portogallo e chiude la stagione al secondo posto. Nella stagione 2020/2021 Conceição viene consacrato come allenatore con più vittorie nella storia del club.